Torna l’ora solare. Risparmiati 100 milioni di euro

Nella notte fra sabato 26 e domenica 27 ottobre torna l'ora solare: alle ore 3 si dovranno spostare un'ora indietro le lancette degli orologi. Realizzati risparmi per 100 milioni di euro.

Ora solareNella notte tra sabato 26 e domenica 27 ottobre 2019 finirà l’ora legale ed entrerà in vigore l’ora solare. Alle 3 del 27 ottobre le lancette dell’orologio andranno sposate indietro di un’ora, cioè alle 2. Gli italiani recupereranno l’ora di sonno persa il 31 marzo scorso. L’ora legale tornerà invece il prossimo 29 marzo 2020. Tuttavia è al vaglio della Commissione Europea la possibilità di abbandonare questo sistema e lasciare a ogni singolo stato la libertà di scegliere quale ora adottare.

L’ora legale è stata utilizzata in Italia per la prima volta nel 1916, ma è entrata in vigore ufficialmente con una legge del 1965, in un periodo in cui il fabbisogno energetico aumentava esponenzialmente. Con l’uso dell’ora legale si determina che, per un dato territorio, l’ora ufficiale dello Stato venga calcolata in anticipo rispetto all’ora solare(naturale). Le ragioni sono due: questa misura consente risparmi energetici e in secondo luogo i cittadini possono beneficiare di più ore solari. La rete di trasmissione dell’energia Terna fa sapere che nel periodo dell’ora legale, dal 31 marzo scorso, “grazie all’ora quotidiana di luce in più che ha portato a posticipare l’uso della luce artificiale l’Italia ha risparmiato 505 milioni di kilowattora, pari al consumo medio annuo di elettricità di circa 190 mila famiglie”. In termini di costi, il risparmio per il Paese è stato di circa 100 milioni di euro, mentre nel 2018 era stato di circa 111 milioni.

Dal 2004 al 2019 il risparmio complessivo del Paese è stato di circa 9,6 miliardi di kilowattora(quantitativo equivalente alla richiesta di energia elettrica annua di una regione come la Sardegna), pari ad un valore di circa 1 miliardo e 650 milioni di euro. Nei mesi di aprile e ottobre si è registrato, come di consueto, il maggior risparmio di energia elettrica. Ciò è dovuto al fatto che questi due mesi hanno giornate più “corte” in termini di luce naturale, rispetto ai mesi dell’intero periodo. Spostando in avanti le lancette di un’ora, quindi, si ritarda l’utilizzo della luce artificiale in un momento in cui le attività lavorative sono ancora in pieno svolgimento. Nei mesi estivi come luglio e agosto, invece, poiché le giornate sono già più lunghe rispetto ad aprile, l’effetto “ritardo” nell’accensione delle lampadine si colloca nelle ore serali, quando le attività lavorative sono per lo più terminate, e fa registrare risultati meno evidenti in termini di risparmio di elettricità.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

CheBanca! non funziona

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

CheBanca! con problemi tecnici

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Inps: 3,3 milioni di lavoratori pubblici nel 2018

La caduta del muro di Berlino