Centro municipale per cani apre entro giugno 2020

Il centro municipale per cani di via Janfolla è stato inaugurato il primo ottobre 2018 ma è ancora chiuso. Ieri c'è la firma del contratto. La struttura dovrebbe aprire entro giugno 2020.

Un cane randagioNapoli è una città strana. Si inaugurano strutture con tagli di nastrini per farle restare chiuse. E’ il caso del centro municipale per cani di via Janfolla a Miano. Inaugurato il primo ottobre 2018 alla presenza del sindaco Luigi De Magistris e dell’assessore al welfare Roberta Gaeta, un anno dopo la struttura resta ancora con il cancello chiuso. Quella finta inaugurazione fu fatta in occasione della firma del protocollo d’intesa con l’Asl Napoli 1.

In un paese civile il centro municipale per cani sarebbe già operativa per accogliere i randagi, ma al momento quest’ultimi continuano a girovagare per la città. I cittadini di Miano già parlano di un colossale spreco di denaro pubblico per realizzare una struttura non operativa. Lo scorso febbraio, intervistata da “Il Corriere del Mezzogiorno”, la signora Gaeta disse che la struttura non era ancora aperta per la mancanza del collaudo. L’assessore aggiunse che la pratica burocratica sarebbe stata fatta entro due mesi. E’ passato più di un anno dall’inaugurazione, ma il centro municipale per cani resta ancora con i cancelli chiusi. Nel frattempo la Gaeta non è più assessore. Ieri(27 novembre) c’è stata una riunione presso i servizi Veterinari dell’Asl Napoli 1 tra i referenti della Napoli Servizi e Francesca Menna, nuova assessore con delega alla Tutela degli Animali. E’ stato firmato il contratto per l’avvio alla formazione degli operatori che lavoreranno nella struttura. Il centro municipale per cani dovrebbe aprire entro giugno 2020. Il condizionale è d’obbligo visto i precedenti.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Intesa Sanpaolo non funziona

Il salvataggio di Alitalia

Inaugurata l’area nord di piazza Garibaldi

Unicredit taglia 8 mila posti di lavoro

CheBanca! con problemi tecnici

Istat: Lettori di libri stabili in Italia