Danni ingenti a Bagnara di Castelvolturno

Il maltempo dei giorni scorsi ha causato danni ingenti a Bagnara di Castelvolturno. Residenti e turisti urlano contro le istituzioni, ma dall’altro lato nessuno ascolta.

Danni ingenti a Bagnara di CastelvolturnoBagnara di Castelvolturno è una località turistica sul litorale domizio. Il maltempo dei giorni scorsi ha causato danni ingenti in questa zona della provincia di Caserta. Il mare in tempesta ha scatenato la sua furia sull’arenile​ provocando​ la scomparsa di lunghi tratti di spiaggia, la distruzione della terrazza di un lido e danni diffusi a diversi altri stabilimenti balneari situati a ridosso del litorale. Danneggiata in più punti anche la passeggiata, il camminamento in sabbia​ che collega l’intero arenile da un capo all’altro.

Ora si attende che il mare torni calmo per fare un controllo completo dello stato dei luoghi. I residenti chiedono un intervento urgente da parte delle autorità della Regione Campania. Alla fine degli anni ‘70 avere una seconda casa a Bagnara di Castelvolturno era il sogno della classe media campana. Questo pezzo di litorale campano, a metà strada tra Gaeta e Napoli, non aveva nulla da invidiare a quello della Riviera romagnola. Oggi la località sta per quasi per scomparire. In meno di 10 anni sono scomparsi 200 metri di costa a causa dell’erosione e alcune villette sono diventati dei ruderi. L’erosione della costa è causata dal mancato apporto di sabbia da parte del fiume Volturno per l’eccessiva cementificazione degli argini, unita alla costruzione di una scogliera sottomarina e allo sbancamento della sabbia delle spiagge per l'edilizia. Le opere per la realizzazione di una scogliera non sono mai partite nonostante siano stati stanziati fondi per 6,5 milioni di euro. Residenti e turisti urlano contro le istituzioni, ma dall’altro lato nessuno ascolta.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Intesa Sanpaolo non funziona

Il salvataggio di Alitalia

Inaugurata l’area nord di piazza Garibaldi

Unicredit taglia 8 mila posti di lavoro

CheBanca! con problemi tecnici

Istat: Lettori di libri stabili in Italia