Via Cupa Grande. La strada che diventa un fiume

A Napoli c’è una strada che diventa un fiume ogni volta che viene un temporale. Via Cupa Grande rappresenta un pericolo per gli automobilisti. Sotto passa il tunnel della metropolitana Piscinola-Miano.

Via Cupa Grande. La strada che diventa un fiumeA Napoli c’è una strada che diventa un fiume ogni volta che viene un temporale. Siamo di fronte ad un miracolo? No. La strada fiume è colpa della mancata manutenzione della caditoia centrale di via Cupa Grande. Il nome della via non è proprio azzeccato, visto che è una stradina a senso unico che collega il rione San Gaetano e il Don Guanella. Lo scorso 17 novembre, un uomo era rimasto intrappolato all’interno della sua auto ed era stato tratto in salvo dai Vigili del Fuoco con un mezzo anfibio.

La cosa drammatica è che sotto la strada fiume passa il tunnel della metropolitana Piscinola-Miano che verrà inaugurata nel 2020. Alfredo Di Domenico, noto come Bukaman, ha dichiarato: “Volevate sorprenderci con effetti speciali? Ebbene non solo ci siete riusciti, vi siete addirittura superati. Però adesso spiegatelo al direttore responsabile del cantiere che, per non aver garantito la manutenzione della caditoia di questa strada con pendenza centrale, è diventato famoso per aver costruito il primo tunnel della metropolitana sotto un fiume”. Il noto supereroe è preoccupato per i possibili crolli e cedimenti. Il caso della strada che diventa un fiume mette nuovamente in evidenza la mancata manutenzione ordinaria del Comune di Napoli. Nel capoluogo campano si allagano diverse strade ogni volta che viene un temporale. Il problema si è accentuato negli ultimi anni sotto l’amministrazione arancione guidata da Luigi De Magistris. La città, definita “rifugio” dal sindaco, non riesce a garantire i servizi minimi essenziali.

Pubblicato da Alfredo Di Domenico su Domenica 24 novembre 2019

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Intesa Sanpaolo non funziona

Il salvataggio di Alitalia

Inaugurata l’area nord di piazza Garibaldi

Unicredit taglia 8 mila posti di lavoro

CheBanca! con problemi tecnici

Istat: Lettori di libri stabili in Italia