Trovare lavoro con Reddito di cittadinanza

Il posto giusto racconta la storia di una ragazza di Fermignano che ha trovato lavoro grazie al percorso previsto dal Reddito di cittadinanza.

Ragazza trova lavoro grazie al Reddito di cittadinanzaContinuano i piagnistei sui media di alcuni imprenditori che lamentano difficoltà a trovare personale a causa del Reddito di cittadinanza. L’ultimo in ordine di tempo è un titolare di un lido a Savelletri, in provincia di Brindisi. Questo tizio si è sfogato con un giornalista di “La Repubblica”: “Ho appena chiuso una telefonata con un 45enne che mi chiedeva di fare il bagnino in nero per mantenere così il Reddito di cittadinanza”. Il lavoro offerto prevede 25 giorni lavorativi a 1.000 euro al mese. Non vengono specificate le ore di lavoro giornaliere.

Cerchiamo di smascherare un’altra favola che i media nazionali stanno portando avanti da quando è stato introdotto il Reddito di cittadinanza. Il programma di Rai 3 “Il posto giusto” ha parlato della storia di una ragazza di Fermignano, in provincia di Pesaro e Urbino, che è riuscita a trovare un lavoro grazie a un percorso promosso attraverso il Reddito di Cittadinanza. Come è avvenuto questo evento? Semplice l’azienda ha partecipato al progetto del Centro per l’impiego. In poche parole ha fatto richiesta di personale. Su molti giornali leggo di imprenditori, soprattutto del settore ristorazione e alberghiero, che fanno continui piagnistei perché non trovano personale a causa del Reddito di cittadinanza. Una domanda sorge spontanea: hanno fatto richiesta di personale ai Centri per l’impiego? La risposta è no. Questi “prenditori” non vogliono assumere lavoratori, ma persone da schiavizzare con contratti farlocchi e paghe misere. Il Reddito di cittadinanza è uno strumento di sostegno sociale che si occupa anche di interventi di attivazione al lavoro. Un esempio è il caso della ragazza di Pesaro e Urbino. Il progetto funziona se ci sono aziende che fanno richiesta di personale, ma in Italia molti preferiscono altri metodi. Il lavoro nero c’è sempre stato nel nostro Paese, non è aumentato con l’introduzione del Reddito di cittadinanza. Il lavoro nero fa comodo soprattutto ai datori di lavoro che in questo modo risparmiano contributi e tasse. Il Reddito di cittadinanza è una misura di civiltà. Una delle più grandi riforme sociali della storia dell’Italia repubblicana.

Commenti